PITTURA OMNIA 
RIVISTA D'ARTE ON-LINE 
 
 
 
A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
F
 
G
 
I
 
L
 
M
 
P
 
Q
 
R
 
S
 
V
 
Sito on line dal 24 giugno 2009 
 
Tante lezioni gratuite per i più piccoli. 
Visita il sito: 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
LA CHIROMANTE 
 
Sono ancora in molti ad essere certi che si possa prevedere il destino di una persona semplicemente guardando le linee nel palmo della mano. La chiromanzia o “lettura della mano” come viene più conosciuta questa pratica, è nata dalla astrologia indiana e si dice esistesse già da più di 5000 anni fa. Dall’India si propagandò in Cina verso il 3000 a.C. per poi arrivare successivamente a poco a poco in Tibet, in Egitto, in Persia e in Grecia. Da sempre tradizione delle popolazioni nomadi, ancora oggi gli zingari prevedono il futuro in tale modo e sono pochi quelli di noi che non si siano fatti leggere la mano almeno una volta.  
Legata alla chiromanzia vi è come tutti sappiamo il problema della truffa, denunciato in pittura già dal Cinquecento. La figura della chiromante ritratta sia come donna dall’aspetto giovane che anziano e sempre vestita in modo bizzarro, è spesso infatti nei quadri circondata da persone che suggeriscono un inganno in corso (in genere sono un gruppo di imbroglioni che mentre lei attira le attenzioni di qualche ricco signore, si danno da fare per rubare borse di denari a distratti gentiluomi.  
I francesi Georges de la Tour (1593-1652), Valentin de Boulogne (1591-1632) con il fiammingo Jan Cossiers (1600-1671) e l'italiano Leonello Spada (1576-1652), seppur di paesi differenti, ritrassero scene di chiromanti molto simili tra loro, ovvero con il ricco signore preso in giro dagli zingari, segno di un evidente diffuso malcostume nelle chiromanti europee.  
Caravaggio nella sua opera “Chiromante”, ritrae la sola indovina che con aspetto gentile, sottrae l'anello al giovane senza bisogno dell'aiuto confusionario di altre persone.  
Sir David Wilkie (1785-1841) più di un secolo dopo questi pittori, dipinse la prima donna a farsi leggere la mano e anche qui, si tratta di una persona di ricchi natali talmente desiderosa di sentirsi dare buone nuove da non badare alla lampante avidità delle anziane chiromanti che la circondano. Dall'Ottocento in poi saranno sempre più le donne a fidarsi delle indovine e nel Novecento, si vedrà la chiromanzia cambiare aspetto per prendere sbocchi commerciali impensabili prima.  
La figura della zingara andrà in completo declino e saranno le maghe a sostituirle, le quali per attirare fiducia, cambieranno il modo di proporsi nel gestire il loro lavoro e anche nel come farlo.  
(FAGR 1-5-12)  
Leonello Spada  
 
Jan Cossiers  
 
Georges de la Tour  
 
Valentine de Boulogne  
 
Valentine de Boulogne  
 
Caravaggio 
 
Sir David Wilkie