A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
F
 
G
 
I
 
L
 
M
 
P
 
Q
 
R
 
S
 
V
 
Sito on line dal 24 giugno 2009 
 
Tante lezioni gratuite per i più piccoli. 
Visita il sito: 
 
 
 
L'OCCHIO INDISCRETO I: LA TOILETTE 
 
Gli artisti del passato con i loro pennelli, svolgevano il lavoro della nostra macchina fotografica ricorrendo però spesso alla fantasia e sicuramente, questa non mancò nel Settecento quando iniziò la stagione festosa del Rococò. Uno dei momenti di maggiore intimità raffigurato in pittura in questo periodo, fu la “toilette” con donne da sole o in compagnia che si sistemavano i capelli davanti allo specchio, si lavavano o si agghindavano per iniziare la giornata. A parte qualche apparizione in pittura precedente come il "Donna allo specchio" del quattrocentesco Giovanni Bellini, i quadri intitolati “La toilette” cominciarono ad imporsi nel XVIII con il re francese Luigi XV, il quale preferì una pittura capace di mettere in evidenza gli aspetti più seducenti della vita; a soddisfare il suo desiderio di vedere scene intime proibite agli uomini, fu la marchesa Poumpadour, sua amante e donna dal grande estro creativo. Ella provvedette a suggerire ai pittori molte idee civettuole da rappresentare per divertire il re e il suo successo fu tale, che ne nascerà una moda pittorica. Le corti europee applaudiranno al piacere visivo dato dalle raffigurazioni Rococò e gli artisti per soddisfare le fantasie erotiche di una clientela desiderosa di immagini mirate a far evadere dalla realtà, si diedero molto da fare. Boucher e Garnier ritrassero dame riccamente vestite mentre si sistemano la biancheria intima in privato e tutto quanto indiscreto guardare. Nell'Ottocento la trasgressione al decoro in pittura non fu affatto abbandonata: Velazquez una "Venere allo specchio" molto provocante; Berthe Morisot ritrasse una dama allo specchio di schiena molto sensuale; Bazille nella sua “Toilette” mostrò una donna nuda rilassata sul letto con due serve che l'aiutano a vestirsi; Corot non rinunciò alla natura e svolse il tema delle abluzioni mattutine all'aperto e sia Renoir che Degas, raffigurarono donne nude nell'atto di lavarsi in bagni privati.  
(FAGR 10-9-09) 
 
Boucher 
 
Garnier 
 
Watteau 
 
Morisot 
 
Bazille 
 
Corot 
 
Renoir 
 
Degas 
 
Degas