A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
F
 
G
 
I
 
L
 
M
 
P
 
Q
 
R
 
S
 
V
 
Sito on line dal 24 giugno 2009 
 
Tante lezioni gratuite per i più piccoli. 
Visita il sito: 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
IL PITTORE DELL'AMORE 
 
A meritarsi il soprannome di “pittore dell’amore” fu Jean-Honoré Fragonard (per gli amici Frago) di lontane origini italiane, nato il 5 aprile del 1732 a Grasse (Provenza). Egli visse in un periodo di cambiamenti sociali talmente tumultuosi da mettere a rischio perfino la sua testa, la quale rischiò davvero di cadere in un cesto durante la Rivoluzione francese (venne salvato dall’amico pittore David). Per fortuna la sua vita fu sempre piena d’amore ed è da esso che trarrà sempre conforto quando il suo mondo sparirà per sempre. Con originali pennellate quasi impressionistiche (testimonianza del suo grande talento), questo artista seppe descrivere gli aspetti più seducenti della vita intima dei nobili prima che la ghigliottina calasse su di loro; si tratta di scenette deliziose capaci di far sempre felici i suoi commissionanti. Dopo, a parte qualche tentativo di adeguarsi ai nuovi tempi, smise di dipingere. La biografia di Frago parla di numerose storie d’amore, ma le due donne più importanti della sua vita furono la moglie Marie-Anne Gérard, sposata nel 1769 che gli diede due figli e la cognata Marguerite. Queste due signore gli saranno sempre vicino con grande affetto nei momenti più difficili. La sorella di Marie-Anne divenne sua allieva e in seguito fu una sua stretta collaboratrice; lo seguì ovunque, perfino quando per sfuggire al periodo del terrore, il pittore tornerà con la moglie a Grasse dove era nato. A piangerlo quando morì all’alba del 22 agosto del 1806, ci saranno solo Marie-Anne e Marguerite. Nessun elogio funebre verrà da parte dello Stato, nonostante Fragonard avesse svolto durante il periodo della Rivoluzione numerosi incarichi di prestigio. Il pittore dell’amore”, venne nella vita ricompensato solo dall’amore che tanto bene cantò quando in Francia si amavano di più le gioie della vita degli spettacoli della ghigliottina e delle parate militari di Napoleone. Il suo nome caduto da subito nell’oblio, tornerà però a nuova gloria nel XX secolo.  
(FAGR 4-2-14)  
Il bacio rubato 
 
La dichiarazione d'amore 
 
L'appuntamento