PITTURA OMNIA 
RIVISTA D'ARTE ON-LINE 
 
 
 
A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
F
 
G
 
I
 
L
 
M
 
P
 
Q
 
R
 
S
 
V
 
Sito on line dal 24 giugno 2009 
 
Tante lezioni gratuite per i più piccoli. 
Visita il sito: 
 
 
 
 
IL BACIO ROMANTICO NELL'ARTE 
 
Il tema del “bacio” non è stato ricorrente nei secoli per i pennelli dei pittori: ritenuto a lungo un soggetto erotico e perciò peccaminoso, fu poco richiesto dai commissionanti fino al giungere della seconda metà del Settecento.  
Gli antichi greci non amavano Cupido che ritenevano portatore di guai e bisogna quindi tornare alla pittura romana di Pompei salvata dall'eruzione del Vesuvio (avvenuta nel 79 d. C.) per trovare il primo bacio dipinto da un uomo che noi possiamo ammirare; la nudità delle due figure però, rende la scena altamente erotica anzichè romantica, lontana quindi da come vennero intesi i baci a partire dal XVIII secolo.  
Se si vuole vedere un bacio tra due amanti senza eccessi di erotismo (celebre è il bacio erotico dipinto nella "Tavola del Bronzino" realizzato nel 1540), è necessario fare un salto nel tempo lungo più di 1600 anni e non è quindi possibile fare confronti come per altre iconografie del come tutto cambia dal punto di vista pittorico da un secolo all'altro.  
Con l'arrivo della corrente artistica settecentesca detta pre-romantica, le immagini di coppie che si baciano inizieranno ad essere apprezzate in pittura e aumenteranno sempre più di numero nell'Ottocento con lo sviluppo in tutta Europa del Romanticismo (vedi articolo: Neoclassicismo e Romanticismo). 
Di sicuro il bacio più famoso di tutta la produzione pittorica è quello del pittore veneziano Francesco Hayez per le innumerevoli riproduzioni che ancora oggi si fanno del suo quadro, tuttavia esso non si discosta come stile pittorico dai molti altri lavori eseguiti dagli artisti ottocenteschi; tra i baci più originali vi è quello del pittore Lawreince Nicolas che s'ispirò all'arte di Hogarth (cosa che in pochi ebbero il coraggio di fare) senza però coglierne lo spirito arguto; tra quelli più spiritosi segnaliamo il dipinto di Felix Schlesinger e tra quelli invece più romantici spicca il quadro di Charles Auguste Emile Duran.  
(FAGR 2-2-12)  
 
Pompei - Polifemo e Galatea  
 
Lawreince Nicolas (1737-1807) 
 
Charles Auguste Emile Duran (1837-1917)  
 
Charlemagne Oscar Guet (1801-1871)  
 
Henryk Siemiradzki (1843-1902)  
 
Felix Schlesinger (1833-1910)  
 
Ferdinand Georg Waldmuller (1793-1865)