A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
F
 
G
 
I
 
L
 
M
 
P
 
Q
 
R
 
S
 
V
 
Sito on line dal 24 giugno 2009 
 
Tante lezioni gratuite per i più piccoli. 
Visita il sito: 
 
 
 
COSA CAPITO' A MASACCIO? 
 
Tommaso di Ser Giovanni di Mone Cassai, detto Masaccio, pittore tra gli inventori del Rinascimento a Firenze, morì all'improvviso a Roma nell'estate del 1428, quando aveva solamente ventisette anni. Figlio di un notaio di Castel San Giovanni in Toscana, si era distinto giovanissimo come pittore per la sua invenzione di una tecnica nuova che rendeva le figure più reali, grazie a studi sulla tridimensionalità e sulle espressioni del volto. A quel tempo dominava la corrente del Gotico internazionale con i suoi eccessi nella fantasia di tipo cavalleresco e la nuova visione pittorica di Masaccio che la rifiutava, ebbe subito successo a Firenze, dove egli lavorò a partire dal 1418 quando aveva ancora 17 anni.  
E' Vasari a ricordare nelle sue “Vite” il sospetto nella gente che questo grande artista potesse essere stato avvelenato. Nessuna prova, soltanto un critico d'arte del secolo successivo alla sua nascita che riporta voci sentite per caso.  
Non sempre però le voci di strada dicono menzogne campate in aria.  
Masaccio stava rivoluzionando la pittura come prima di lui fece solo Giotto, fu l'invidia di qualche collega a volerlo fermare ad ogni costo?  
Sempre Vasari ci dice che era uomo preso totalmente dalla sua arte e completamente disinteressato alle questioni finanziarie. A comprova di ciò, vi sono testimonianze d'archivio che provano il contrarre di debiti di questo pittore e perciò, è lecito domandarsi se magari a causa del vile denaro, qualcuno desiderò ucciderlo.  
Del suo ultimo periodo romano si sa poco o nulla, gli viene generalmente attribuita la sua partecipazione alla decorazione del Polittico di Santa Maria Maggiore (o Pala Colonna), ma nemmeno questo è sicuro (alcuni storici la fanno risalire invece ad un suo precedente viaggio a Roma).  
Che cosa accadde a Masaccio nei suoi ultimi giorni non c'è modo di saperlo.  
Contrasse altri debiti? Litigò con qualcuno? Si ammalò?  
Mistero.  
(FAGR 18-1-11)  
 
 
 
 
di Edgar Mallan 
 
-102 Casi di morti misteriose realmente avvenute-
Alcuni santi, imperatori, scrittori, papi, nobili, condottieri, musicisti, pittori, dogi, re e regine, ebbero in comune qualcosa di molto importante. Che cosa? La loro fine, avvenuta per morte violenta e misteriosa. In questo libro si ripercorreranno le vite e le gesta di personaggi famosi, le cui storie fecero grande scalpore ai loro tempi. I luoghi dei decessi ancora oggi visitabili, sono qui elencati per paese in ordine alfabetico. Le vicende straordinarie dei protaganisti della Guida alle morti misteriose", vi faranno porre l'inquitante interrogativo : -Chi mai sarà stato?-  
in una lettura da leggere tutta d'un fiato. 
 
Acquista su Amazon.it