A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
F
 
G
 
I
 
L
 
M
 
P
 
Q
 
R
 
S
 
V
 
Sito on line dal 24 giugno 2009 
 
Tante lezioni gratuite per i più piccoli. 
Visita il sito: 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
INDIVIDUA IL PERIODO STORICO DI UN QUADRO - PARTE 15 
 
Dal 1848 fino alla fine del secolo in Inghilterra ebbe molto successo il Preraffaellismo. Si tratta dello stile pittorico di un gruppo di artisti inglesi tra cui vi era anche Dante Gabriele Rossetti (1828-1882) considerato il loro capo, i quali fondarono una società e la chiamarono Confraternita dei preraffaelliti. Il loro intento fu quello di opporsi all'arte accademica per portare innovazioni nella pittura ma senza scandalizzare troppo i benpensanti come accadeva invece contemporaneamente in Francia. 
 
Caratteristiche principali dell'arte dei preraffaelliti 
 
1)   Rifiuto dei manierismi classici 
 
Il Preraffaellismo si orientò verso la pittura italiana prima dell'avvento di Raffaello. Si tratta di una corrente artistica che si rifiutò di seguire i troppi manierismi della produzione classica avvenuta dopo la morte del grande maestro urbinate. 
 
"Lo studiolo blu" di Dante Gabriel Rossetti
 
2)  Predilezione per soggetti mitologici ma non solo. 
 
Pur condividendo tutti la teoria preraffaellita, gli artisti che aderirono a questa corrente pittorica furono molto diversi tra loro nell'esprimersi; in generale preferirono i soggetti mitologici, ma vi fu chi ebbe successo con quelli religiosi, chi con quelli letterari, chi fu più attento alla dimensione sociale e chi alla natura. 
 
 
"Ecce ancilla Domini" di Dante Gabriele Rossetti
 
 
"Pigmalione" di Burne-Jones
 
3)   Interesse verso i problemi sociali 
 
Il pittore preraffaellita Ford Madox Brown (1821-1893) fu molto attento alla dimensione della vita piccolo-borghese e ai risvolti sociali. Famoso il suo dipinto che voleva parlare del fenomeno dell'emigrazione intitolato: “Addio all'Inghilterra”. 
 
“Addio all'Inghilterra” di Brown
 
4)  Il Preraffaellismo diede grande importanza anche all'estetica della natura. 
 
Il pittore John Everett Millais ebbe successo ispirandosi ai temi letterari e dando grande importanza al Naturalismo pittorico. La sua “Ofelia” tratta dalla omonima tragedia “Amleto” di Shakespeare, è qui una semplice fanciulla circondata da una natura posta come vera protagonista del quadro in quanto la restituisce dopo il suo suicidio a chi la cercava. 
Anche il pittore W. Holman Hunt fu un amante del Naturalismo pittorico e i suoi soggetti sono in pratica solo pretesti per dipingere paesaggi con una natura da sogno con però grande rigore botanico. 
 
"Ofelia" di Millais
 
 
"Il servo pastore" di W. Holman Hunt
 
5)  Stile pittorico semplificato 
 
I preraffaelliti diffidarono della modernità e per questo anche se contro il classicismo come gli artisti moderni, fecero proprio l'idealismo romantico, la razionalità e il moralismo vittoriano dei loro tempi dipingendo alla maniera medioevale priva di tutte le conquiste pittoriche successive (quindi con forme alquanto semplificate). 
 
 
"Astarte siriaca" di Rossetti 
 
"Le nozze di San Giorgio e della principessa Sabra di Dante Gabriele Rossetti
 
6)  Colori vividi 
 
I preraffaelliti amarono dipingere con colori vividi e anche per questo il loro stile pittorico è facilmente riconoscibile. 
 
"Valentino salva Silvia da Proteo" di W.  Holman  Hunt 
7) Il primitivismo medioevale preraffaellita esclude la cultura del Medioevo assorbendo solo le idee romantiche e razionali inglesi della prima metà dell'Ottocento. 
 
La poetica preraffaellita ebbe molti controsensi tra cui l'anticipare quasi il surreale di Redon rivedendo un periodo storico come il Medioevo in chiave sentimentale; cercò sempre il raziocinio ma sfuggiva alle idee illuministe e diffidò inoltre sempre della modernità pur essendone attratto e svolgendo anche parecchi temi pittorici che la affrontavano. 
 
 
"Il ritrovamento del corpo di Don Juan" di Madox Brown
 
Riassumendo 
 
Il Preraffaellismo, nato in Inghilterra a metà Ottocento che ebbe come personalità più spiccata Dante Gabriele Rossetti, rifiutò i manierismi classici pittorici, ma non la mitologia a cui attinse a piene mani; trovò poi ispirazione nella letteratura, nella religione, nel Naturalismo e scrutò anche nella realtà sociale, il tutto producendo immagini dalle linee semplificate tipiche dell'era medioevale con la particolarità di colori vivissimi. La cultura del Medioevo però verrà dagli artisti preraffaelliti ignorata per far risaltare soltanto nei loro dipinti le idee romantiche tratte dalla letteratura e la razionalità vittoriana. 
 
(FAGR 14-11-17) 
 
 
LA FALSI D'AUTORE GIULIO ROMANO ESEGUE QUALSIASI DIPINTO DAL 1200 AL 1900, CON GLI STESSI PROCEDIMENTI E TECNICHE USATE DAI GRADI MAESTRI DEL PASSATO, REALIZZATI RIGOROSAMENTE A MANO. 
RICHIEDI UN PREVENTIVO GRATUITO 
info@pec.falsodautoregiulioromano.it