A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
F
 
G
 
I
 
L
 
M
 
P
 
Q
 
R
 
S
 
V
 
Sito on line dal 24 giugno 2009 
 
Tante lezioni gratuite per i più piccoli. 
Visita il sito: 
 
 
 
 
LA DANZA 
 
La danza è dai tempi dei tempi amatissima dall'uomo. Nella prima metà del Settecento (il momento storico in cui i pittori predilissero mostrare le classi agiate mentre si divertivano in vari modi), capitò spesso che venissero ritratti balletti di scene teatrali e fanciulle nell'atto di ballare.  
Jean-Frédéric Schall (1752-1825), dipinse per buona parte della sua carriera ballerine graziosissime, ritraendo persino la famosissima Marie-Madeleine Guimard, prima danzatrice dell'Opera di Parigi. La meravigliosa bravura di questa ballerina a teatro (si dice fosse riuscita con la sua espressività e nobiltà dei movimenti a creare uno stile inimitabile), la rese presto popolarissima e una delle donne più influenti del suo tempo. La Guimard, oltre che ballerina, attrice e mecenate di artisti, favorì le carriere di molti pittori, fra cui Fragonard.  
(Suo marito Boileau, fu l'insegnante di danza di Madame du Barry, favorita di Luigi XV).  
Dopo di lei il periodo della Rivoluzione francese smorzerà l'entusiasmo dei teatranti di farsi ritrarre fino al XIX secolo, dove saranno però più celeberrime attrici e cantanti che ballerine a farsi ritrarre da un pittore.  
Lo stile di Schall è leggiadro e indirizzato a cogliere il momento fugace di un passo di danza; egli mette sempre le modelle in pose sospese e affascinanti per dare quanto lo stile Rococò chiedeva con insistenza: il piacere visivo. Prima di Schall un altro pittore francese seppe dare vita a scene dilettevoli dove i protagonisti immersi nella natura ballavano allegramente, si tratta di Nicolas Lancret (1690-1743), maestro di Watteau. Le sue scene di danza però coinvolgevano più persone; gruppi di nobiluomini e nobilidonne vengono da lui mostrati come degli invitati a delle feste campestri dove vi era musica e si danzava amoreggiando con il proprio patners. Il suo stile fece scuola nella pittura francese settecentesca e le pose delle sue ballerine, furono imitate inseguito da Fragonard, Watteau, Schall, tra i maggiori esponenti del Rococò.  
L'amore che in passato vi fu per la danza, venne portato sulle tele successivamente dal pittore impressionista Degas che adorava le ballerine, così come tutto quanto riguardava il teatro; ad interessarlo fu specialmente la vita delle danzatrici dietro le scene, quando provavano o semplicemente seguivano delle lezioni. In ogni mossa di una ballerina da lui dipinta, traspare il suo immaginarle come creature magiche al pari di Schall, però egli non trascurerà di rivelarci quanto sia cresciuta l'arte della danza mostrandoci sempre le sue modelle in movimenti di grande effetto scenico.  
(FAGR 18-1-11)  
 
Jean-Frederic Schall "Ritratto di Marie-Madeleine Guimard 
 
Jean-Frederic Schall 
 
Jean-Frederic Schall 
 
Jean-Frederic Schall 
 
Jean-Frederic Schall 
 
Jean-Frederic Schall 
 
Jean-Frederic Schall 
 
Nicolas Lancret  
 
Nicolas Lancret  
 
Edgar Degas  
 
Edgar Degas  
 
Edgar Degas