PITTURA OMNIA 
RIVISTA D'ARTE ON-LINE 
 
 
 
A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
F
 
G
 
I
 
L
 
M
 
P
 
Q
 
R
 
S
 
V
 
Sito on line dal 24 giugno 2009 
 
Tante lezioni gratuite per i più piccoli. 
Visita il sito: 
 
 
 
 
PROVERBI NEI QUADRI 
 
I proverbi ci tramandano con parole semplici quanto la cultura popolare sa sulle esperienze umane; essi ci parlano di tutto quanto riguarda l'uomo: le sue debolezze, i suoi comportamenti più o meno corretti, le sue abitudini, le sue paure etc., inoltre ci danno consigli utili alla nostra vita terrena. In loro vi è racchiusa tutta la saggezza antica europea che dà ammonimenti morali in grado di far riflettere la nostra coscienza su quanto è giusto fare. Tutto ciò ovviamente non poteva che interessare molto a chi lavora nel campo dell’arte. Il pittore deve lanciare messaggi attraverso una sola immagine pittorica ed esprimersi in tal modo non è mai facile.  
Il primo a raffigurare scene ispirate a proverbi in quadri fu il grande Pieter Bruegel (1525/30-1569) dipingendo i famosi “Dodici proverbi” e i “Proverbi fiamminghi”, dove sono stati riconosciuti almeno 80 modi di dire (anche se alcuni critici d'arte ritengono siano almeno 120).  
Si tratta di scenette in cui è indispensabile sapere il proverbio in questione o difficilmente si potranno interpretare, tuttavia l'idea in se stessa piacque molto agli altri artisti e parecchi furono infatti dopo Bruegel, quelli che usarono i proverbi per lanciare messaggi attraverso un pennello.  
Non volendo penalizzare chi non conosce la saggezza antica, si ricercò però una maniera più semplice per raggiungere la meta prefissa e si preferì adoperare il titolo del quadro per indicare il proverbio.  
Il proverbio inglese “Due frecce al proprio arco”, divenne il titolo di un quadro del pittore John Pettie (1839-1893), il quale dipinse una donna dell'epoca vittoriana che si diletta a civettare mentre passeggia in mezzo a due pretendenti, felice di metterli uno contro l'altro; il proverbio tedesco “Il danno e la beffa” fu usato invece per un dipinto da Eduard Ritter (1808-1853).  
Il proverbio con la sua capacità di riassumere in poche parole concetti profondi, risulta davvero perfetto per l'arte pittorica, la quale si è sempre prefissa dai tempi dei tempi, di educare la mente umana facendo trarre alla nostra mente deduzioni veloci.  
(FAGR 3-10-13) 
 
"Dodici proverbi" di Pieter Bruegel  
 
"Proverbi fiamminghi" di Pieter Bruegel  
 
"Due frecce al proprio arco" di John Pettie  
 
"Il danno e la beffa" di Eduard Ritter