PITTURA OMNIA 
RIVISTA D'ARTE ON-LINE 
 
 
 
A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
F
 
G
 
I
 
L
 
M
 
P
 
Q
 
R
 
S
 
V
 
Sito on line dal 24 giugno 2009 
 
Tante lezioni gratuite per i più piccoli. 
Visita il sito: 
 
 
 
 
 
RUBENS 
 
Pieter Paul Rubens nacque a Siegen Vestfalia nel 1577; viaggiò per l'Italia a partire dal 1600, visitando Venezia per poter studiare le opere di Tiziano, Tintoretto e successivamente a Mantova, dove Vincenzo Gonzaga lo impiegò come ritrattista e anche diplomatico, permettendogli di partire per Roma e Madrid. Lo stile di Rubens è esuberante, altamente barocco impregnato del colorismo di Tiziano e la composizione drammatica del Tintoretto. Nel suo secondo soggiorno romano dal 1606 al 1608,  studiò più a fondo le opere di Raffaello Michelangelo e Carracci e il suo stile si arricchì ulteriormente, riscoprendo il valore del disegno in modo da dare maggiore consistenza alle sue composizioni altamente articolate e movimentate. Tornò a casa in seguito alla morte della madre nel 1608 e già dall'anno successivo, divenne pittore di corte presso gli Absburgo, governatori dei Paesi Bassi. Realizzò così in pochi anni una vera officina pittorica, dove lavorarono anche pittori come Van Dyck e Jordaens, situato ad Anversa. Creò trittici, cartoni per arazzi e la gigantesca decorazione della chiesa dei gesuiti di Anversa, iniziato nel 1614. Nel 1622 iniziò la grandiosa serie  di " Le storie di Maria de'Medici" per il palazzo del Lussemburgo; questi dipinti si possono definire allegorico-politico, ovvero la realtà è idealizzata grazie all'uso di inserti mitologici. Rubens, è il più grande rappresentante del Barocco secentesco e realizzò  grandiose pale d'altare come "Adorazione dei Magi" e "Madonna e santi", ritratti familiari e paesaggi pervasi da un'atmosfera incantata. Morì ad Anversa nel 1640.