PITTURA OMNIA 
RIVISTA D'ARTE ON-LINE 
 
 
 
A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
F
 
G
 
I
 
L
 
M
 
P
 
Q
 
R
 
S
 
V
 
Sito on line dal 24 giugno 2009 
 
Tante lezioni gratuite per i più piccoli. 
Visita il sito: 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
RITROVI DI ARTISTI 
 
Si è propensi a credere che i primi gruppi di artisti a riunirsi per discutere di pittura, letteratura e altri argomenti intellettuali, siano della seconda metà dell’Ottocento, quando il mondo dell’arte iniziò a preoccuparsi dell'arrivo della macchina fotografica, ma in realtà l’usanza di frequentarsi in “circoli” nacque molto prima. Una testimonianza di ciò è il dipinto del secentesco Gonzales Coques (1618-1684) dal titolo “La cena degli artisti”, dove vi è un clima allegro tipico di amici che si ritrovano; prima di Coques nessun altro pittore aveva mai ritratto questo tipo di evento, ma non è da escludere che ad Anversa dove lui nacque e visse, gli artisti usassero incontrarsi anche nel XVI secolo.  
Nel 1760 a Roma aprì quello che oggi risulta come il secondo caffè più antico d’Italia: il famoso “Caffè Greco”, il quale divenne fin da subito un ritrovo per gli artisti e gli intellettuali del tempo; questo affascinante luogo venne ritratto da Ludwig Passini (1832-1903), un pittore specializzato a ritrarre la figura umana in interni o tra elementi architettonici; nato a Vienna, passò quasi tutta la vita in Italia e fu tra i molti a frequentare questo suggestivo locale. Il “Caffè Greco" risulta attualmente la più grande galleria d’arte privata aperta al pubblico del mondo, dove vi sono esposti più di 300 opere pittoriche.  
Un altro celebre ritrovo di artisti è il “Caffè Michelangiolo” di Firenze; situato poco distante dall’Accademia di Belle Arti, divenne nell'Ottocento il punto di incontro di giovani artisti che parlavano di arte e anche di politica; tra loro spiccano: Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Telemaco Signorini, Raffaello Sernesi; i loro incontri vennero immortalati da Adriano Cecioni (1836-1886) nel 1861.  
Si giunge quindi solo verso il 1863 alle riunioni nel Cafè Guerbois a Parigi, quando gli appuntamenti lì di Manet con i suoi amici, attireranno tantissimi artisti tra cui un particolare gruppo che darà vita al futuro movimento dell'Impressionismo (il disegno qui sotto è di Manet). Le discussioni tra Monet, Degas, Renoir e gli altri impressionisti in questo Caffè, sono oggi così famose da far pensare che fossero stati loro i primi a discutere di arte in posto pubblico. 
Sappiamo sempre grazie ai quadri che gli artisti non si incontrarono poi solo in locali pubblici, ma anche in studi d’arte e come prova appare il dipinto “Incontro di artisti nello studio di Isabey” di  Louis-Leopold Boilly; queste stanze sempre ampie, diventarono numerose già dal XVII secolo con la chiusura di molte botteghe d'arte, quindi sicuramente prima di recarsi in locali pubblici, i pittori amici approfondivano la loro conoscenza nei rispettivi studi. 
(FAGR 22-7-16) 
 
Gonzales Coques "La cena degli artisti" 
 
Ludwig Passini "Artisti al Caffè Greco" 
 
Adriano Cecioni "Caffè Michelangiolo" 
 
Manet "Al Café Guerbois" 
 
Louis-Leopold Boilly "Incontro di artisti nello studio di Isabey" 
 
 
FAI ESEGUIRE DALLA FALSI D'AUTORE GIULIO ROMANO QUALSIASI DIPINTO DAL 1200 AL 1900, CON GLI STESSI PROCEDIMENTI E TECNICHE USATE DAI GRADI MAESTRI DEL PASSATO, REALIZZATI RIGOROSAMENTE A MANO. 
RICHIEDI UN PREVENTIVO GRATUITO 
info@pec.falsodautoregiulioromano.it