LETTERATURA OMNIA 
RIVISTA DI LETTERATURA 
ON-LINE 
 
 
 
 
A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
F
 
G
 
H
 
I
 
M
 
N
 
O
 
P
 
R
 
S
 
T
 
U
 
V
 
 
 
 
 
Tante lezioni gratuite per i più piccoli. 
Visita il sito: 
 
 
 
 
 
L'ODIO TRA VOLTAIRE E ALEXIS PIRON 
 
Quando c'è di mezzo uno scrittore dal talento satirico individuare l'odio tra intellettuali è alquanto semplice; quest'ultimo genere di persone infatti difficilmente rinuncia a sfogare il proprio astio pubblicamente ed è il caso di Alexis Piron (1689-1773), contemporaneo di François-Marie Arouet, conosciuto con lo pseudonimo di Voltaire (1694-1778), considerato uno dei principali ispiratori del pensiero razionale e non religioso moderno. 
Piron fu scrittore di opere teatrali che amò prendere in giro chi si credeva tanto più bravo di lui quando teneva in mano una penna e praticamente colpì quasi tutti i suoi contemporanei intellettuali, tanto da avere tra loro solo nemici e neanche un amico. 
Voltaire in particolare, forse proprio perché stimato come tra i personaggi più importanti del suo tempo, venne colpito più volte dallo spirito caustico di Piron, difatti contro lui inviò parecchi arguti epigrammi che mandarono in bestia il filosofo. I due furono nemici giurati finché vissero e con punte di odio da guerra a partire dal 1738 quando Piron scrisse “La métromanie”, la sua opera più famosa, dove deride i poeti senza talento che si mettono in ridicolo quando scrivono. Voltaire risulta un grande filosofo, ma volle essere anche poeta e come tale di certo non raggiunse mai le vette di Dante; un punto debole il suo che vide bene lo scrittore satirico, il quale ovviamente non si lasciò sfuggire l'occasione di attaccarlo con le sue frecciate fatte di divertenti componimenti poetici.  
Ebbene quando la satira si muove oggi come ieri, non fa arrabbiare solo i politici, ma chiunque abbia un punto debole e sieda in società in un posto onorevole.  
Piron non avrebbe mai raggiunto in Francia un grande successo solo con il suo talento di drammaturgo, però con quello satirico raggiunse vette altissime, infatti divenne la più grande personalità del teatro di un'epoca dove di sicuro scovare i difetti degli intellettuali era meno pericoloso che  guardare a quelli dei governanti. 
 
(FAGR 22-2-17)
Voltaire 
Piron