A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
F
 
G
 
I
 
L
 
M
 
P
 
Q
 
R
 
S
 
V
 
Sito on line dal 24 giugno 2009 
 
Tante lezioni gratuite per i più piccoli. 
Visita il sito: 
 
 
 
L'AFFRESCO DI UN CONTINENTE NON ANCORA SCOPERTO 
 
Nel castello della Manta a Cuneo (abbellito con numerosi dipinti della fine del Quattrocento e del Cinquecento), possiamo ammirare un magnifico affresco dove salta agli occhi un planisfero terrestre in cui si scorge il luogo più freddo della Terra: l'Antartide.  
Non ci sarebbe nulla di strano se non fosse che questo continente venne scoperto quasi trecento anni dopo la creazione del dipinto. 
I misteri della pittura spesso rispecchiano quelli sociali. Non si sa il perché, ma fin dai tempi di Claudio Tolomeo (100-175 d.C.), il famoso astronomo di Alessandria d'Egitto, considerato il padre della geografia moderna, si pensava che nel profondo sud del nostro pianeta esistessero delle terre e i cartografi le disegnarono puntualmente con la loro fantasia già dal Medioevo.  
Ecco perché un artista se doveva dipingere un globo terrestre, anche prima che James Cook (1728-1779) con le sue navi varcasse nel 1773 il circolo polare artico, faceva di frequente apparire come per incanto un ipotetico Polo sud.  
Le basi sulla quale si formarono tali convinzioni sono sconosciute, però i pittori del passato non videro mai un motivo per metterle in dubbio. 
(FAGR 4-7-14)