A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
F
 
G
 
I
 
L
 
M
 
P
 
Q
 
R
 
S
 
T
 
V
 
Sito on line dal 24 giugno 2009 
 
Tante lezioni gratuite per i più piccoli. 
Visita il sito: 
 
 
 
 
LA LUNGA CAUSA LEGALE DI RAFFAELLO CONTRO LA MATRIGNA 
 
Le matrigne cattive non esistono solo nelle favole e una prova è Bernardina di Piero di Parte, che Giovanni Santi, padre di Raffaello Sanzio, sposò in seconde nozze il 25 maggio del 1492.  Di sicuro il Santi fece un torto al figlio attendendo appena sette mesi dopo la morte della prima moglie Magia di Battista Ciarla, avvenuta il 7 ottobre del 1491 dando alla luce la figlioletta Elisabetta (anch'essa morta quel giorno). Bernardina poi non seppe essere una madre per il piccolo Raffaello, anzi fece del suo meglio per traumatizzarlo. Dopo aver partorito la sorellastra di Raffaello (chiamata anch'essa Elisabetta) poco dopo la morte del Santi (avvenuta il 1 agosto 1494), pretese indietro la dote di 200 fiorini data al marito da suo padre orefice al momento del suo matrimonio con l'idea di andarsene da casa Santi portando via con sé la piccola. Pretese inoltre i soldi per il mantenimento della bambina pur lasciando la loro dimora. Il 31 maggio del 1495 si dovette fare ricorso al Foro Ecclesiastico che decise in questo modo: la famiglia Santi doveva rendere la dote come dalla donna richiesto, ma quest'ultima doveva restare nella loro casa se voleva avere gli alimenti per sé e la figlia. Iniziò così una causa legale che durò anni a cui il dodicenne Raffaello fu obbligato a presiedere essendo l'erede universale del padre, anche se era lo zio Bartolomeo, suo tutore, a gestire gli averi del fratello per lui. Bernardina non si arrese facilmente perché due anni dopo si rivolse ancora al tribunale per costringere il figliastro (e il suo tutore) a passarle gli alimenti seppure fuori casa Santi. Il giudice diede nuovamente ragione ad ambedue le parti senza però riuscire a mettere pace.  
Nel 1499 Raffaello dovette lasciare il suo lavoro in Umbria (si era stabilito a Città di Castello creando una sua bottega ben lontano da casa), per tornare ad Urbino ancora per colpa della matrigna, la quale  riuscì ad ottenere dal giudice 20 fiorini e il mantenimento della sorellastra ancora per due anni restando lontana dai Santi. Nel marzo del 1500 venne dato l'ultimo pagamento degli alimenti a questa donna (la cui figlia morirà poco dopo), il cui comportamento avrà sicuramente influito sulla scelta di Raffaello di pensarci bene prima di sposarsi. 
(FAGR 27-10-2020)