PITTURA OMNIA 
RIVISTA D'ARTE ON-LINE 
 
 
 
A
 
B
 
C
 
D
 
E
 
F
 
G
 
I
 
L
 
M
 
P
 
Q
 
R
 
S
 
V
 
Sito on line dal 24 giugno 2009 
 
Tante lezioni gratuite per i più piccoli. 
Visita il sito: 
 
 
 
 
 
ANTOON VAN DYCK 
 
Antoon Van Dyck nacque ad Anversa il 22 marzo 1599; settimo di dodici figli, dimostrò presto talento artistico e fu mandato a bottega dal pittore Hendrick van Balen a soli 10 anni.  
Divenne amico di Jan Bruegel il Giovane, figlio del celebre pittore Bruegel il Vecchio ed insieme aprirono una loro bottega. Nel 1617 però decise di abbandonarla per diventare allievo di Pieter Paul Rubens. Iniziò presto una collaborazione con il celebre pittore con il quale instaurò subito un rapporto di amicizia oltre che di stima.  
A ventuno anni intraprende un viaggio per Londra convinto dal duca di Buckingham e di Thomas Howard, XXI conte di Arundel, amico di Rubens. Si trasferisce alla corte del re di Inghilterra Giacomo I, il quale gli concede una pensione annuale di 100 sterline.  
Nonostante il successo ottenuto decide di partire per un viaggio che lo terrà lontano da Londra per undici anni.  
In questo lasso di tempo si recherà anche in Italia dove vi rimarrà per sei anni.  
La sua prima tappa fu a Genova dove lavorò per famiglie patrizie importanti come i Doria, Spinola, Durazzo, Lomellini, Brignole etc., anche grazie alla fama di allievo di Rubens, il quale quando soggiornò a Genova, ebbe grande successo.  
Dopo si diresse a Roma e a Firenze dove ebbe modo di studiare i grandi artisti rinascimentali, tappa fondamentale di ogni pittore. Si recò anche a Palermo poi nuovamente a Roma e a Genova finché non dovette tornare ad Anversa richiamato dalla morte della sorella.  
Quando tornò a Londra venne accolto con tutti gli onori da Carlo I, il quale lo onorò con la sua amicizia al punto che fece fare delle modifiche alla casa di Antoon in modo da poterla raggiungere via fiume più facilmente.  
Grande ritrattista, egli realizzò numerosi soggetti religiosi, ma anche a tema storico e mitologico. Il suo stile influenzò notevolmente i pittori inglesi che ammirarono la sua pittura morbida ed elegante.  
Morì a Londra nel 1641 a soli 42 anni.